2. Tre spazi, infinite possibilità

Emisfero principale “Ossigeno”

Funzioni dedicate al pubblico scolastico, e generico e familiare con attività quotidiane al mattino e pomeriggio:

  • Proiezioni tipiche per un planetario su temi di astronomia e astrofisica.
  • Proiezioni a 360° su scienze e scienze naturali, documentari naturalistici e adventure.
  • Proiezioni in forma di cicli di proiezioni da realizzare in accordo con i festival cinematografici trentini (Festival della Montagna, Religion Today, Festival CinemaZERO) e con altri da festival scientifici.

Funzioni dedicate a un pubblico più ampio, con particolare attenzione agli studenti universitari e con programmazione serale e notturna:

  • Cinema in lingua originale, cinema “underground” e rassegne di film sperimentali o di settore in co-produzione con l’associazionismo universitario locale, con scuole di cinema e cineteche. Gestione partecipata con il terzo settore culturale. Si presterà attenzione a completare l’offerta cittadina senza sovrapporsi alla programmazione dei cinema della città.

Attorno all’attività del MUSE H20 si svilupperanno attività di formazione e di produzione filmica su temi diversi, compresi prodotti da inserire nel circuito internazionale delle cupole a proiezione emisferica. Tali attività saranno sviluppate in collaborazione con scuole di cinematografia e di documentaristica già contattate.

Cupole laterali “Idrogeni”

Due cupole di minori dimensioni, capaci di ospitare circa 30 persone ciascuna saranno dedicate al pubblico scolastico, pubblico generico con attività quotidiane al mattino e pomeriggio:

  • Seminari, presentazioni, laboratori, incontri, piccole esposizioni a tema ricerca, scienza e innovazione. In avvio, gli spazi saranno dedicati alla presentazione della ricerca scientifica e all’innovazione tecnologica prodotta da Fondazioni di ricerca e l’Università di Trento.
Mi piace